24 Novembre 2020
Novita´ e Recensioni

Taiye Selasi " La bellezza delle cose fragili "

03-09-2013 18:55 - Novita´ Storiche
Kweku Sai è morto all´alba, davanti al mare della sua casa in Ghana.
Quella casa l´aveva disegnata lui stesso su un tovagliolino di carta, tanti anni prima: un rapido schizzo, poco più che un appunto, come quando si annota un sogno prima che svanisca.
Il suo sogno era avere accanto a sé, ognuno in una stanza, i quattro figli e la moglie Fola.
Una casa che fosse contenuta in una casa più grande - il Ghana, da cui era fuggito giovanissimo - e che, a sua volta, contenesse una casa più piccola, la sua famiglia.
Ma quella mattina Kweku è lontano dai suoi figli e da Fola. Perché il chirurgo più geniale di Boston, il ragazzo prodigio che da un villaggio africano era riuscito a scalare le più importanti università statunitensi, il padre premuroso e venerato, il marito fedele e innamorato, oggi muore lontano dalla sua famiglia? Lontano da Olu, il figlio maggiore, che ha seguito le orme del padre per vivere la vita che il genitore avrebbe dovuto vivere; Lontano dai gemelli, Taiwo e Kehinde, la cui miracolosa bellezza non riesce a nascondere le loro ferite, lontano da Sadie, dalla sua inquietudine, dal suo sentimento di costante inadeguatezza e lontano da Fola, la sua Fola.
Ma le cose che sembrano più fragili, come i sogni, come certe famiglie, a volte sono quelle che si rivelano più resistenti, quelle che si scoprono più forti della storia e del tempo.

Realizzazione siti web www.sitoper.it